• Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

Alla fine del 2009 le banche per la loro debolezza patrimoniale sono ricorse al mercato e ai Tremonti Bond.

La Banca Popolare di Milano aveva deciso di utilizzare ambedue le strade e ha lanciato un prestito destinato al pubblico che poi sarebbe stato convertito in azioni.

In considerazione del fatto che gli investitori istituzionali non avevano apprezzato molto l’offerta della BPM (anche in quanto la Consob aveva imposto che nel prospetto di collocamento fossero inseriti degli scenari di probabilità in base ai quali le possibilità che il rendimento fosse negativo sfioravano il 70%) la stessa ha spostato la massa dei titoli verso il portafoglio dei propri correntisti.

La Consob, a seguito di una ispezione, ha accertato che la Banca aveva alzato, in moltissimi casi repentinamente, il profilo di rischio del cliente per adeguarlo all’operazione e per ottenere un buon collocamento verso i correntisti.

Di qui una pesante sanzione al Direttore Generale, l Condirettore Generale della Banca e al Responsabile della Compilance.

L’acquisto di tali titoli ha comportato una perdita rilevantissima e la Federconsumatori, proprio di fronte ad un’acclarata responsabilità della Banca nel collocamento dei titoli verso i propri clienti, i risparmiatori e le loro famiglie, ha dato mandato ad un collegio di legali  di predisporre una class-action contro la BPM e di notificarla al più presto.

 

Informiamo perciò tutti coloro che avessero acquistato titoli “Convertendo BPM” che anche presso la sede di Federconsumatori di Modena, Via Mar Ionio, 23 Tel. 260384 – possono ricevere ulteriori chiarimenti e informazioni sulle iniziative che verranno proposte a breve, comprese le modalità per aderire alla azione di classe per tutti coloro che ne possiedono i requisiti e per le eventuali azioni individuali a difesa dei loro risparmi.

666 Visite